Pvg Bari perde in casa al tie-break (2-3) contro Luvo Barattoli Arzano. Un punto per le foxes che muove la classifica ma lascia l’amaro in bocca.

Scritto il

Due set persi a causa di tante scelte sbagliate in campo. Una grande rimonta non coronata da un successo che a quel punto sembrava lo sbocco naturale della partita: invece c’è solo un punto per la Pharma Volley Giuliani Bari ieri sconfitta in casa da Luvo Barattoli Arzano per 2-3 nella sesta giornata di B1 femminile (girone D).
L’esito del quarto tie-break in cinque gare lascia ancora una volta tanti dubbi in casa barese per le molte occasioni sprecate e i punti persi per strada. Le campane sono abili a portare a casa i primi due set, sfruttando gli errori baresi nei momenti caldi dei parziali, con Zonta (20 punti) e Campolo (15) in evidenza. Guidate da una sontuosa Adelaide Soleti (30 punti per il martello Pvg), le foxes dominano il terzo set e conquistano il quarto nonostante la rimonta arzanese: il tie-break fa storia a sé con Campolo a spezzare l’equilibrio nelle battute finali.
Pvg resta nella zona calda della classifica, toccando quota 5 punti, al pari di Palmi (avanti per i set persi), entrambe a – 3 proprio da Arzano. E domenica c’è una partita che promette spettacolo: il derby a Cerignola in casa della Cannone Libera Virtus, quinta forza del girone.
La Partita
Coach Sarcinella schiera la diagonale formata da Romanazzi e Cariello, Soleti e Caputo in banda, Labianca e Peonia al centro e Minervini libero; coach Giandomenico risponde con Coppola in cabina di regia, opposto Zonta, martelli capitan Campolo e Aquino, centrali Postiglione e Passante, libero Piscopo.
Parte meglio Arzano con Zonta più volte incisiva (6 punti nel set) e un primo vantaggio (2-5). Insegue Pvg e con Caputo effettua il primo sorpasso (7-6). Dopo un inizio svagato le baresi serrano le fila e martellano senza sosta, mettendo in mostra le doti offensive di Cariello (18 punti) e Caputo. Pvg guida per lunghe fasi del set (12-11, 15-13, 18-15). Il primo tempo di Peonia si traduce nel 20-18. Arriva il break decisivo, targato Zonta e Campolo: Arzano si porta sul 20-22. Caputo e Labianca tengono a galla Pvg, 24-24. Le ospiti gettano il cuore oltre l’ostacolo: mani fuori di Aquino ed errore in attacco delle locali per il 24-26.
L’esito del primo parziale non ha convinto il pubblico del Palamartino. Le baresi spesso, in questo inizio di campionato, giocano meglio degli avversari, ma sembra mancare loro il killer instinct per portare a casa i punti decisivi. Soleti si prende la scena del secondo set con 8 punti. Primo vantaggio campano sul 12-14. Buona prova delle centrali ospiti Postiglione e Passante che allungano il distacco: 14-18. Due muri di Coppola mandano Arzano a +6 (14-20). Caputo (15 punti) e Soleti cercano la rimonta, Labianca mette a terra la palla del 18-21. Due errori Pvg vanificano il tentativo di rientrare in gioco nel finale. Soleti colpisce in diagonale e in pallonetto, ma non basta: la fast di Postiglione sancisce il 21-25.
Coach Sarcinella striglia per bene le sue atlete. E i risultati si vedono in campo. Il terzo set è un soliloquio della Pharma Giuliani che riceve alla perfezione, difende su ogni pallone (un plauso a Simona Minervini sempre attenta ed efficace) e trova la via del punto con grande facilità. Ace di Romanazzi per il 4-1. Cariello colpisce con un diagonale affilato e con un servizio imprendibile: 9-5. Caputo da seconda linea e Soleti in parallela: 17-10. Il turno al servizio del martello ex Maglie devasta la difesa ospite: uno dei suoi due ace abbatte un’avversaria, Pvg conduce 21-10. Debutta tra le partenopee, la giovane Sara Panacea. Il diagonale di Caputo e un ace di Peonia (6 punti e 4 ace per la centrale) sigillano il 25-12 (1-2).
Capitan Cariello domina la prima parte della quarta frazione: 7-4. Fast di Passante: 12-6. La difesa arzanese non riesce a fermare Soleti che infierisce anche con un muro vincente: 14-7. Ace di Romanazzi e Peonia (19-12). L’astuto pallonetto rovesciato di Coppola ridà fiato alle compagne, muri di Passante e Campolo: Arzano torna in gara riducendo il gap a 3 punti (20-17). Con grande sorpresa del pubblico barese, il match torna in bilico. Un punto molto dubbio assegnato alle campane e un errore di Caputo portano al 20-19. La schiacciatrice Pvg rimedia mettendo a terra una palla che scotta. Passante sbaglia la fast: 22-19. Ci pensa Soleti con due missili a rimettere le foxes in rampa di lancio, Campolo annulla il primo set point. Non può nulla sul mani-fuori del martello barese che porta al 2-2 (25-20).
Ancora un tie-break. Le ospiti ritrovano energie, le foxes rispondono colpo su colpo ma hanno perso un po’ della verve mostrata nel terzo e quarto set. Fast da applausi di Labianca (7 punti per lei), ma l’equilibrio è assoluto (7-7, 9-9, 11-11). Campolo molto staccata da rete riesce a trovare un buco nella difesa Pvg, muro di Zonta: 11-13. Mani-fuori di Cariello per il 12-13. Muro di Passante che spinge Arzano verso l’obiettivo (12-14). Il servizio errato di Zonta lascia ben sperare il Palamartino, time out chiesto da Giandomenico. È un attacco fortunoso di Campolo che rimbalza addosso a due atlete baresi a chiudere il set a favore delle ospiti: 13-15.